I produttori di integratori alimentari specificamente ritenuti essenzialmente sotto la nuova guida federale

Il coronavirus ha notevolmente aumentato la domanda dei consumatori statunitensi in molti integratori alimentari, sia che si tratti di una migliore alimentazione durante la crisi, dell'assistenza con il sonno e del sollievo dallo stress o del supporto di una forte funzione immunitaria per migliorare la resistenza generale alle minacce per la salute.

Molti produttori di integratori alimentari sono stati sollevati sabato dopo che la Cybersecurity and Infrastructure Security Agency (CISA) all'interno del Department of Homeland Security ha emesso nuove linee guida specifiche sui lavoratori delle infrastrutture critiche essenziali legate all'epidemia di COVID-19 o coronavirus.
La versione 2.0 è stata rilasciata durante il fine settimana e ha creato appositamente produttori di integratori alimentari - e una miriade di altri settori - i cui dipendenti e operazioni possono essere considerati esenti dagli ordini di casa o rifugio sul posto che stanno spazzando via molti stati.

Le precedenti linee guida CISA proteggevano ampiamente molte di queste industrie in categorie alimentari o sanitarie più imprecise, quindi la specificità aggiunta era benvenuta per le aziende dei settori citati.

"La maggior parte delle nostre aziende associate voleva rimanere aperta, e lo era nel presupposto che facesse parte del settore alimentare o del settore sanitario", ha affermato Steve Mister, presidente e CEO del Council for Responsible Nutrition (CRN ), in un'intervista. “Ciò che fa è chiarire. Quindi, se qualcuno delle forze dell'ordine statale dovesse presentarsi e chiedere: "Perché sei aperto?" possono puntare direttamente alla guida CISA”.
Mister ha aggiunto: “Quando è uscito il primo round di questo memo, eravamo abbastanza fiduciosi che saremmo stati inclusi per deduzione … ma non diceva espressamente integratori alimentari. Dovevi leggere tra le righe per leggerci dentro".

La guida rivista aggiunge dettagli significativi all'elenco dei lavoratori delle infrastrutture critiche essenziali, aggiungendo specificità ai più grandi settori dell'assistenza sanitaria, delle forze dell'ordine, dei trasporti e dell'alimentazione e dell'agricoltura.

I produttori di integratori alimentari sono stati menzionati in modo specifico nel contesto delle aziende sanitarie o di salute pubblica e elencati con altri settori come la biotecnologia, i distributori di apparecchiature mediche, dispositivi di protezione individuale, prodotti farmaceutici, vaccini, persino prodotti di fazzoletti e asciugamani di carta.

Altre industrie protette di recente nome andavano dai lavoratori di drogheria e farmacia, ai produttori e fornitori di alimenti, ai test sugli animali e sugli alimenti, ai lavoratori dei servizi igienici e del controllo dei parassiti.
La lettera di orientamento rileva specificamente che le sue raccomandazioni sono in definitiva di natura consultiva e l'elenco non dovrebbe essere considerato una direttiva federale. Le singole giurisdizioni possono aggiungere o sottrarre categorie di forza lavoro essenziali in base alle proprie esigenze e discrezione.

"AHPA apprezza che i lavoratori degli integratori alimentari siano ora specificamente identificati come "infrastruttura critica essenziale" in questa ultima guida del Dipartimento per la sicurezza interna", ha affermato Michael McGuffin, presidente dell'American Herbal Products Association (AHPA), in una stampa pubblicazione. "Tuttavia... le aziende e i lavoratori dovrebbero controllare le raccomandazioni e le direttive statali e locali nel determinare lo stato delle operazioni che si qualificano come infrastrutture critiche essenziali".


Tempo di pubblicazione: Apr-09-2021